Home » Comune di San Giovanni al Natisone » Il progetto del “Museo della Partenza e del Ricordo”: alcuni spunti e best practices

Alcune settimane fa è stato presentato nuovamente in Consiglio, grazie ad un’interrogazione del consigliere Ercole Ponton, il progetto di riutilizzo dell’ex Deposito ferroviario adiacente la stazione di San Giovanni al Natisone e relativo piazzale a favore della realizzazione del “Museo della Partenza e del Ricordo”, a memoria di coloro che partirono della nostra stazione per il fronte russo nel 1942, durante il devastante periodo della seconda guerra mondiale.

Il progetto di Museo, che potrebbe rientrare in una più ampia proposta di riqualificazione dell’area, può effettivamente realizzarsi e attivarsi nel breve periodo mediante l’attuale piano di riutilizzo del patrimonio immobiliare delle Ferrovie dello Stato inutilizzato (Fonte: www.fsitaliane.it, clicca qui per andare al progetto). Attualmente sono circa 1.700 le strutture della Rete Ferroviaria Italiana che il Gruppo FS sta concedendo tramite contratti di comodato d’uso gratuito alle associazioni e ai comuni affinché siano avviati progetti sociali che abbiano ricadute positive sul territorio e per la qualità dei servizi offerti nelle stesse stazioni. Di queste, circa 345 stazioni, corrispondenti ad una superficie di oltre 63.683 mq. già sono state assegnate.

L’emendamento di proposta era stato presentato dal gruppo consigliare “Progetto Comune” in occasione dell’approvazione del programma e delle linee di mandato di questa amministrazione e si è in seguito constatato che la vicesindaco Anna Bogaro, a nome della maggioranza, pur ritenendo tale emendamento condivisibile e pur comunque, proponendo il suo respingimento per motivi di “difficoltà economica”, si era assunta un “formale impegno a verificare la possibilità del comodato per la realizzazione del museo”.

Nell’ultimo Consiglio comunale è stata presentata una nuova interrogazione a riguardo, al fine di comprendere se e quali azioni siano state intraprese dall’attuale Giunta per la verifica delle possibilità-opportunità di attuazione della nostra proposta. Per la risposta restate sintonizzati nel nostro sito internet!

CLICCA QUI PER LEGGERE L’APPROFONDIMENTO SUI CASI ITALIANI DI SUCCESSO PER IL RIUTILIZZO DEGLI SPAZI INUTILIZZATI DELLE STAZIONI 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *