Home » Comune di San Giovanni al Natisone » Fusione con Manzano, raccolte le firme per il referendum

18/10/2015 – Ormai manca proprio una manciata di firme a San Giovanni per poter indire il referendum e così l’iter per la fusione con Manzano appare sempre più breve.

A giorni i promotori potranno consegnare le firme raccolte in Regione. Questa avrà due mesi di tempo per controllare l’esattezza dei dati: toccherà poi ai due consiglio comunali di San Giovanni e Manzano l’ultimo passaggio. Una presa d’atto che non potrà comunque fermare l’iter referendario.

«Siamo alle battute finali, mancano veramente pochissime firme per raggiungere il quorum necessario. Non possiamo che essere estremamente soddisfatti per il lavoro svolto – commenta Cesare Mangoni –, soddisfatti soprattutto per essere riusciti non solo a raccogliere le firme necessarie, ma anche per essere riusciti a spiegare ai cittadini che incontravamo le motivazioni per la fusione, i costi e i soprattutto benefici. Non ci siamo limitati a chiedere una firma, ma abbiamo spiegato bene il progetto, con la consapevolezza che è un passaggio che cambia le sorti del paese in positivo».

I primi di gennaio, quindi, si dovrebbe conoscere la data in cui i cittadini andranno alle urne per esprimersi sulla fusione.

La scadenza naturale prevista per il passaggio che si concluderà entro ottobre era il 9 febbraio: un anticipo quindi di oltre tre mesi e mezzo.

«Il lavoro fatto è stato proficuo – aggiunge Mangoni –, anche se Movimento Libero non ha vinto le elezioni comunque siamo riusciti a portare avanti un punto importante del nostro programma elettorale».

Soddisfattissimo anche Giusto Maurig, capogruppo di Progetto Comune: «Considerato che la presentazione ai cittadini e l’avvio ufficiale della raccolta delle firme è avvenuto il primo ottobre, la mia soddisfazionea è massima. Siamo riusciti a raccogliere le firme con parecchio interesse da parte dei cittadini e un’apertura da parte degli stessi oltre ogni aspettativa – rileva ancora –, abbiamo capito che i tempi sono maturi per discorso serio e per una decisione importante. Il tempo tra la consegna delle firme e l’indizione del referendum sarà proficuo per ampliare questo bacino e di spiegare alla popolazione l’opportunità di questa scelta che, alla luce delle difficoltà della partenza delle Uti è sicuramente l’unico percorso in questo momento che ha un iter certo e che, qualora abbia successo, tempi sicuri».

Fonte: Messaggero Veneto | Autore: Gessica Mattalone

3 thoughts on “Fusione con Manzano, raccolte le firme per il referendum

  1. io avrei fatto un sondaggio tra i residenti dei due paesi se sono d’accordo oppure no. io non mai visto il banco per raccogliere le firme

    • Carissima Germana,
      sul nostro sito, sulla pagina Fb e sul Messaggero Veneto abbiamo il più possibile pubblicizzato gli incontri aperti alla cittadinanza per discutere di questo argomento, portando esperienze dirette degli amministratori e presentando quelle che sono le opportunità che deriverebbero da una fusione dei due Comuni di San Giovanni al Natisone e Manzano.
      Purtroppo non siamo riusciti ad organizzare un banchetto, ma abbiamo pubblicato in evidenza un volantino con i contatti e-mail e telefonici per avere maggiori informazioni e per la raccolta delle firme (http://www.giustomaurig.it/wordpress/2015/10/14/firma-anche-tu-per-il-referendum-sulla-fusione/) . Inoltre, tutti i consiglieri dei gruppi consiliari “Movimento Libero” e “Progetto comune” di San Giovanni, “Ricostruiamo Manzano” e “Progetto Manzano” sono a disposizione per qualsiasi richiesta. Infine, è possibile firmare c/o l’ufficio anagrafe del Comune di San Giovanni con i seguenti orari: lun/ven. 10.00-12.30 e sabato con orario 10-12.
      Rimaniamo anche qui a disposizione per qualsiasi domanda che ci vorrai porre o per discutere con te.

      Cordiali Saluti

  2. Gentile Germana, al di là dei mezzi usati per publicizare l’iniziativa, dursnte la raccolta delle furme si è avuto modo di spiegare dettagliatamente e personalmente ad ogni cittadino incontrato i motibi della fsione. C’era tempo fino agli inizi di febbraio per la raccolta delle firme a sostegno del referendum, ma è bastato un mese scarso per raggiungere abbondantemente le firme necessarie. Deduco quindi, che l’interesse c’è e la gente ha aderito all’iniziativa. Ora, come ha ben detto Giusto, siamo sempre a disposizione per illustrare i vantaggi della fusione. Oltretutto quando verrà indetto il referendum organizzeremo degli incontri informativi, a cui lei è caldamente invitata a partecipare. La ringrazio per il duo interesse e la saluto cordialmente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *