Home » Comune di San Giovanni al Natisone » Residenti di nuovo in calo a San Giovanni

Pubblichiamo l’articolo del Messaggero Veneto di lunedì scorso riguardante la diminuzione della popolazione residente nel nostro Comune [p. 22, autore: Gessica Mattalone].

Lieve flessione per il secondo anno consecutivo. Su 6.180 abitanti, gli stranieri rappresentano il 12%.
Scende ancora, seppur di poco più di una quindicina di unità rispetto all’anno precedente, la popolazione residente a San Giovanni al Natisone, passata dai 6.197 abitanti di inizio anno ai 6.180 di dodici mesi fa. In flessione pure le persone di cittadinanza straniera iscritte in anagrafe, passate da 773 a 765 unità, che rappresentano comunque il 12% della popolazione. E’ quanto emerge dai report dell’ufficio demografico del Comune nella consueta elaborazione di fine anno dei dati demografici. Una popolazione residente leggermente in calo per il secondo anno consecutivo dopo che per anni si registrava un incremento migratorio incentivato dalla presenza di attività economiche e che ora invece è venuto meno. Stabili le nascite, una cinquantina di unità (27 maschi e 23 femmine), mentre sono aumentati i decessi, 64 (29 maschi e 35 femmine), che hanno portato a un saldo naturale negativo di 14 unità. Molti invece come sempre i movimenti migratori: gli iscritti nei registri anagrafici sono stati 248 e i cancellati 251 (18 quelli per irreperibilità. Circa il numero degli stranieri iscritti all’anagrafe, i nati sono stati 12, le iscrizioni 94 e i trasferimenti 90. Dato interessante quello delle acquisizioni della cittadinanza italiana, 24, suddivise equamente tra maschi e femmine. Si tratta di cittadini stranieri che da anni risiedono nel Comune e che hanno ottenuto i necessari requisiti per ottenere lo status di cittadino italiano. Le comunità straniere più numerose rimangono quelle cinesi (182 unità) e romene (160 unità), seguite da quelle magrebine (Marocco, Tunisia e Algeria) stabili su 120 residenti. Numerosi anche i cittadini della ex Jugoslavia, pari a 64 persone, mentre 72 sono gli albanesi, 34 tra russi, moldavi e ucraini e 12 i polacchi. Degli stranieri residenti, 231 sono i minorenni e 196 sono quelli nati in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *