Il Centro sedia: basta gestire il polisportivo

Home » Comune di San Giovanni al Natisone » Il Centro sedia: basta gestire il polisportivo

L’articolo del Messaggero Veneto del 18 gennaio sul tema del Centro Sedia Polisportivo di San Giovanni (l’articolo è di Gessica Mattalone).

Il Centro sedia calcio intende lasciare il capoluogo per trasferire la propria attività nel campo di calcio parrocchiale di Medeuzza, per il quale avrebbe già stretto un accordo. Sembra essere calato il gelo tra società e Comune, proprietario del polisportivo. Una decisione presa a malincuore dal sodalizio, ma dettata dal portafoglio, vuoto per le spese di gestione della struttura alle quali non corrispondono congrui ritorni e contributi comunali. Un impianto che comprende non solo il campo di calcio e gli spogliatoi, ma anche campi da tennis e il velodromo, tutto gestito dall’associazione calcistica.

«Il Comune non ci aiuta – spiega Alvaro Castenetto, presidente del Centro sedia calcio –, ci hanno detto di aver già investito negli spogliatoi, noi paghiamo 14 mila euro l’anno di utenze e il contributo comunale è di 4 mila euro, di cui 800 euro devono ancora esserci erogati. Se non avessimo gli sponsor non riusciremmo a sopravvivere. Siamo in seria difficoltà. Abbiamo speso 10 mila euro per sistemare il terreno di gioco, che va costantemente concimato e sistemato. Ogni mese la bolletta della corrente è di quasi 400 euro e a questo va aggiunto il costo di acqua e gas. Abbiamo scritto al Comune, ma non siamo stati contattati, siamo quindi costretti ad abbandonare gli impianti di San Giovanni e il velodromo, prossima cattedrale nel deserto».

A breve dovrebbe essere organizzata un’assemblea pubblica per spiegare ai sostenitori del Centro sedia la situazione. Anche se questo comporterà una riduzione delle squadre della società, la possibilità di trasferirsi a Medeuzza è concreta: «Abbiamo già preso contatti – spiega Castenetto –, sosterremmo un costo orario e le spese e l’impegno sarebbero minori». Ovviamente il velodromo e i campi da tennis sono fruiti da specifiche associazioni sportive, ma l’associazione capofila, che sostiene le spese, è proprio il Centro sedia calcio.

Nel corso dell’ultimo consiglio comunale, prima di Natale, il problema era stato oggetto di un’interrogazione del gruppo consigliare Progetto Comune, nella quale si chiede a sindaco e giunta di ragguagliare sulla posizione dell’amministrazione e se si stiano valutando alternative oppure si preferisca lasciare vuoto il velodromo sul quale tanto si è investito nel corso degli anni; inoltre, si domanda se sia stato fatto tutto il possibile per trovare una soluzione per non perdere questa società e lasciare “a piedi” tanti giovani sportivi, in primis la squadra della categoria juniores.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *