A rischio il futuro del Tennis club: caso gestione Polisportivo

Home » Comune di San Giovanni al Natisone » A rischio il futuro del Tennis club: caso gestione Polisportivo

A rischio il futuro del Tennis club Natisone: l’articolo del Messaggero Veneto dell’8 febbraio (articolo a cura di Gessica Mattalone).

Scuola tennis a rischio a San Giovanni al Natisone: il Tennis club Natisone, infatti, che da sempre ha sede al Polisportivo – su cui è in atto una vertenza relativa alla gestione –, difficilmente potrà proseguire l’attività del vivaio in assenza di alternative logistiche, vista la necessità di un impianto coperto per permettere ai ragazzi di praticare il tennis nella stagione invernale.

Una ventina di ragazzi della scuola tennis e una sessantina di soci rischiano di rimanere così senza un terreno di gioco se il Centro sedia calcio, come annunciato, non rinnoverà la convenzione con l’amministrazione comunale attraverso la quale ha in gestione impianto calcistico, velodromo e campi da tennis, agendo come capofila con il Tennis club e l’associazione ciclistica Tutti in pista.

«In questi giorni dobbiamo organizzare la stagione per l’inizio dell’attività agonistica – spiega il presidente del Tennis club Natisone, Gianfranco Ninino –: siamo consapevoli dello sforzo fatto recentemente dall’amministrazione comunale per la messa a norma dei nostri impianti tennistici, ma le difficoltà per una società piccola come la nostra ci sono, sia per la diminuzione di aiuti economici sia per la sempre più impegnativa organizzazione gestionale. Il Centro sedia ha fatto richieste specifiche all’amministrazione e siamo molto preoccupati per la decisione di non rinnovare la convenzione».

«Non avendo alternative – conclude –, se dovremo abbandonare l’impianto di San Giovanni saremo obbligati a rinunciare alla scuola tennis, che in passato ha sfornato talenti di livello regionale».

Ora al sodalizio non resta che attendere sviluppi legati agli accordi tra amministrazione e Centro sedia, come capofila nella convenzione per gli spazi sportivi. Una società che fino a un paio di anni fa era ai vertici regionali con una squadra militante in serie B nel campionato di categoria maschile e in serie C per il femminile, con campioni regionali e ottantesima nel ranking italiano per società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *